Possibili effetti della rivoluzione tecnologica

di FRANCESCO CARACCIOLO

Nel corso della prima rivoluzione industriale l’introduzione delle macchine nel processo
produttivo creò disoccupazione che poi fu riassorbita nonostante la moltiplicazione
delle macchine. La celere crescita dell’industria andò riducendo l’importanza che avevano
fino allora avuto gli altri due settori produttivi, specialmente quello agricolo. Si diffuse
il timore che l’eccessiva crescita dell’industria e la conseguente perdita del primato
dell’agricoltura potessero accrescere la diffusa miseria della popolazione. Quanto stava
accadendo destò l’interesse e le preoccupazioni di molti. Il profondo mutamento in atto
divenne oggetto di accese discussioni in ambito politico e accademico e alimentò varie
teorie che furono formulate da economisti e intellettuali di diverso e opposto orientamento.------->CONTINUA


La difesa dei propri valori: diritto o peccato? L’Italia e l’Europa possono delegarla?

di FRANCESCO CARACCIOLO

È bello e sublime salvare vite umane. È utile farlo e vantarsene, come ha fatto per anni
il ministro dell’interno Alfano e come hanno fatto e fanno altri membri del governo e rappresentanti
delle istituzioni ottenendo il patrocinio del Pontefice, la totale approvazione di cardinali,
il plauso degli ecclesiastici e il consenso delle anime pie e di politici e laici in carriera e in affari.
È bello e sublime salvare dieci, cento, mille vite umane, accogliere i salvati o restituirli,
in parte, alle loro famiglie e ai loro paesi. Ma se le vite da salvare sono decine e centinaia di migliaia
di gente che vuole in massima parte invadere e occupare paesi non suoi senza averne ottenuto
il permesso attraverso ambasciate e consolati, le vite salvate devono essere restituite senza remore e
condizionamenti ai paesi da cui sono venuti o da cui sono salpati. Occorre fare ciò per interrompere un
flusso di cui non si intravede la fine ma si possono prevedere gli effetti letali------->CONTINUA


Ius soli, accoglienza e convivenza

di FRANCESCO CARACCIOLO

Quanto avviene oggi in Italia e l’invasione che sta subendo il Paese rendono estremamente gravi
e inaccettabili le inaudite proposte avanzate da membri delle istituzioni, come la ministra Kyenge, e le sciolte
e spensierate tesi sostenute da politicanti e detentori di cariche pubbliche, come l’onorevole Boldrini.
Nasce in me, semplice cittadino, un naturale impulso a reagire e a pormi alcune domande.------->CONTINUA


Link utili:
  • Francesco Caracciolo Sito ufficiale
  • Francesco Caracciolo Sito webnode
  • Francesco Caracciolo Libri
  • Francesco Caracciolo Sito altervista
  • Francesco Caracciolo Culturaliniziative
  • Francesco Caracciolo Zefiro
  • Francesco Caracciolo Odisseo